Riso alle vongole alla Montalbán

Riso alle vongole

Questo risotto favolosamente profumato viene direttamente dalle pagine di “Ricette immorali” di Manuel Vásquez Montalbán, uno dei miei scrittori preferiti. Montalbán era, oltre che uno scrittore di primissimo livello, un esperto di cucina e ha infarcito i suoi romanzi di citazioni di ricette, quando non direttamente delle ricette stesse. Il risultato sono, infine, due libri specifici: “Le ricette di Pepe Carvalho” e “Ricette immorali”.

Da quando lo scrittore è morto, qualche anno fa, io e Coquus ci diamo appuntamento una volta all’anno per il Memorial Montalbán, una cena gastronomico-letteraria che organizziamo solo con ricette prese da questi testi, e alla presentazione di ogni piatto leggiamo il brano delle descrizione, che è sempre una bella lettura introduttiva.

«Piatto aromatico a cui poco aggiunge la base neutra del riso e lo scontro ambiguo con le vongole. Ma, che aromi! È un piatto che va annusato in modo profondo, ampiamente, con il naso che volteggia sulla patria biancoverde e morbida del riso e del prezzemolo. Piatto da cena in veranda, quando il crepuscolo affaccia il suo capo bifronte di sole e di luna, “capvestre” (capovespero) lo chiama una lingua civile come il catalano. Da cena in veranda biancomalva con vetrate precise affacciate sul Mare del Nord, o da cena in una veranda liberty aperta in mezzo a un’esplosione di imprecise piastrelle di maiolica che guarda il Mediterraneo.»

Ecco, nel piatto e nella descrizione della veranda liberty io vedo e sento l’incarnazione della catalanità che apprezzo e amo.

Ingredienti per 4

  • 400g riso
  • 400g di vongole sgusciate
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 peperone verde non enorme
  • Prezzemolo tritato
  • Olio extravergine di oliva
  • Brodo di verdure 1,5 litri

Procedimento

Ammorbidire il peperone tritato nell’olio in casseruola. Dopo pochi minuti unire il trito d’aglio e prezzemolo e quindi le vongole e il riso. Quando il riso sarà un po’ tostato e imbiondito, unire un po’ di brodo e portare a cottura il risotto a fuoco vivo, ovviamente aggiustando via via il brodo se si asciugasse troppo.

Rispondi