Trippa accomodata alla genovese

Ho un paio di clienti a Genova, e per un certo periodo la tratta Pisa-Genova era diventata un po’ come la via dell’orto. Ne ho approfittato caricandomi ogni volta di focaccia, ma anche smangiucchiando qua e là nel capoluogo ligure.

In un paio di occasioni ho dato sfogo a una mia passione: prendo la trippa ogni volta che la vedo. La versione genovese detta “accomodata” è interessante e l’altra sera ne ho rifatta un po’.

Ingredienti

  • Trippa di quella buona
  • Pancetta salata
  • Carota
  • Sedano
  • Pinoli
  • Pomodoro
  • Un paio di patate
  • Peperoncino
  • Vino bianco
  • Brodo un paio di mestoli

Preparazione

Prepare un soffritto di pancetta, e dopo poco di sedano, la carota e il peperoncino. Unire la trippa tagliata a listerelle e fare insaporire. Dopo una quindicina di minuti mettere un mezzo bicchiere di vino bianco e sfumarlo bene.

Unire quindi una manciatina di pinoli e il pomodoro a piacere, a seconda del gusto (io non esagererei). Far stufare il tutto per almeno un’altra mezz’ora. Sbucciare le patate e farle a tocchetti e unirle alla trippa, aggiungendo il brodo. Coprire tutto e fare stufare a modino.

Il risultato è interessante.

Presso la trattoria “Ombre rosse” la trippa accomodata aveva anche i fagioli di spagna e un pochine di erbette. Ma qui si scade nel barocco…

PS. Non c’è la foto perché più che la foto poté il digiuno. Rimedierò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*