Sgombri coi carciofi

Nell’ultima puntatina dal pescivendolo francese (non vi dico, mi tocca fare 30 km per trovare del pesce decente, ma vabbè, mi consolo col vino buono…), ho trovato due begli sgombretti. Lo sgombro è un pesce che costa pochi spiccioli anche in un posto lontano 600 km da ogni mare come questo, un pesce molto sottovalutato, ma che fatto bene è proprio gustoso. E coi carciofi si sposa benissimo.

Ingredienti x 2:

  • 2 begli sgombri
  • 3 carciofi
  • 2 spicchi d’aglio
  • peperoncino, pepe, sale e olio

In una padella, far stufare i carciofi tagliati a tocchetti con due spicchi d’aglio interi, un peperoncino e un filo d’olio. Aiutare la cottura con un pochino d’acqua o con del brodo vegetale, se necessario. Cuocere coperti.

Una volta pronti i carciofi, levarli dalla padella e metterli da parte, quindi alzare il fuoco, aggiungere un filino d’olio e adagiarvi (dalla parte della pelle) gli sgombri precedentemente lavati, sfilettati e fatti a  pezzi. Gli sgombri vanno cotti poco, giusto un paio di minuti per lato, se no rischiate che vi vengano secchi e stopposi. Salare, pepare e rimettere i carciofi nella padella, facendo insaporire per qualche istante.

Rispondi