Cheesecake con ridotto di ciliegie e pinoli caramellati

(7 stampini di quelli monouso della cuki per intenderci)

  • 200g di ciliegie
  • 2-3 cucchiaini di zucchero a seconda del gusto
  • Una piccola presa di noce moscata
  • 50 di pinoli
  • 25g burro
  • 100g di biscotti Digestive
  • 300g di robiola morbida
  • 100g di zucchero
  • 1 cucchiaio di farina
  • 1 uovo

Preparare il ridotto di ciliegie (cioè una mezza marmellata). Snocciolare le ciliegie e frullarle assieme allo zucchero, quindi versarle in una padellina, aggiungere la noce moscata e far sobbollire girando spesso e calcolando 20 minuti dalla presa di bollore. Quando è pronta far raffreddare, metterla in un vasetto e via a compattarsi in frigo.

Far sciogliere il burro (anche al microonde) e frullarlo assieme ai biscotti finché non si ottiene una crema ruvida, diciamo della consistenza della sabbia bagnata. Mescolare in una terrina la robiola e lo zucchero, aggiungere il cucchiaio di farina setacciata e continuare a mescolare schiacciando con i rebbi di una forchetta. Quindi aggiungere l’uovo e insistere (con un cucchiaio o con le fruste) finché non si ottiene una crema il più possibile omogenea.

Stendere con un cucchiaino uno strato di “pappa” burro-biscottosa sul fondo degli stampini, riempire fino a 3/4 con la crema e infornare a 160° per 20 minuti. I cheesecake sono pronti quando la crema si sarà gonfiata e i bordi appariranno dorati.

Al momento di servire tostare in padella i pinoli con un cucchiaino di zucchero, agitando spesso. Sformare i cheesecake (se si sono rappresi bene escono senza problemi), stendere un paio di cucchiaini di ridotto di ciliegie sopra, e finire con i pinoli.

Sfornare, far raffreddare e mettere in frigo per un paio d’ore

Da bé. Il cheesecake ha problemi evidenti di abbinamento a causa del tocco acido e freddo del formaggio. Può starci una Malvasia di Castelnuovo Don Bosco, una Vernaccia di Serrapetrona amabile o un Brachetto d’Acqui. Più difficile un Moscato Rosa.

Rispondi