i cestelli di Västervik

La mia permanenza nel villaggio di Vaestervik, in Svezia, si è protratta più del previsto, a causa di un problema meccanico alla mia automobile; ottima occasione per elaborare un dessert dalle cucine dell’ostello-carcere in cui dimoro in questi giorni

INGREDIENTI:

250 g. di pasta lievitata (quella per fare le briosches… lo so che avrei dovuto prepararla io, ma ero in viaggio e sarebbe stato un bel casino mettersi anche a stendere la pasta nella cucina dell’ostello!)

2 pere (qualità conference, ma credo che importi poco)

100 g. di gherigli di noci

2 cucchiai di panna alla vaniglia (qui in Svezia l’ho trovata così!)

2/3 cucchiaini di miele denso, scuro (penso sia di castagno)

1 cucchiaino di cannella.

PREPARAZIONE:

Stendete la pasta con un mattarello e ricavatene dei cerchi abbastanza regolari, dello spessore di circa 0,5 cm. con cui riempirete delle formine in carta (quelle per fare i muffin), in una ciotola  tagliate le pere a cubetti dopo averle sbucciate; aggiungete i gherigli di noci spezzettati, versateci ora la panna ed il miele mescolando delicatamente, ed infine condite con la cannella, continuando a mescolare. A questo punto avrete ottenuto un composto cremoso che verserete nei cestelli, e mettete tutto nel forno ben caldo.

sono necessari circa 20 minuti, ma è sempre bene controllare per evitare di bruciare tutto.

Informazioni su crealessio

nato a Trieste nel secolo scorso da padre calabrese e madre friulana ha vissuto a Roma, Tivoli, Pienza-Montepulciano lavora in giro per l'Italia per conto di una società livornese e da tutti questi elementi trae esperienze gastronomiche che per divertimento traduce in ricette. dal 2011 ha iniziato per passione, l'attività di cuoco itinerante (creare ricette originali con prodotti locali in qualsiasi luogo si trovi); questa iniziativa (i cui migliori risultati sono pubblicati su Ciricette), sta contribuendo a trasformare questo hobby in una professione (al momento le sue consulenze sono richieste da una società danese per approfondimenti sulla produzione casearia italiana)

2 pensieri su “i cestelli di Västervik

  1. Quello che avevo inserito tra gli ingredienti come “Miele di Castagno” ho scoperto (un pò in ritardo) che in realtà è sciroppo di zucchero di canna, credo che l’effetto finale sia molto simile.

Rispondi