Clafoutis

Tipico dolce francese alle ciliegie, quanto di più semplice si possa immaginare. Anche di questo in rete ce ne sono versioni infinite, però tutte quasi uguali tra loro.

Occorrono naturalmente le ciliegie: io uso i duroni di Vignola, ché son quelli che mi piacciono di più, però credo che vadano più o meno tutte bene (ce ne vogliono un 600 gr).

La versione classica vorrebbe che si lasciassero col nocciolo, e tutte le ricette insistono su questo punto.
Voi fate quel che volete, ma io le snocciolo.
Come che sia, mentre sto snocciolando, metto in un mixer 150 gr di zucchero, tre uova, 90 gr di farina, 200 gr di panna, 2 cucchiai di brandy e un pizzico di sale.
Dimenticavo: anche semi di vainiglia, o alla peggio vanillina, e un po’ di cannella
Nel frattempo si imburra una pirofila non troppo grande, la si cosparge di zucchero, poi ci si metton le ciliegie e si versa la pastella, che sarà abbastanza liquida. Deve coprire o quasi le ciliegie. In forno a 180° per circa 45 minuti.
Si mangia tiepido o freddo.

E’ gradevole, è di stagione, è facile, ma non è leggero: una fetta, anche piccola, dà una notevole sensazione di sazietà.
Lo accompagno con un bicchierino di kirsch, o di maraschino, per chi ama i sapori più dolci.
P.S. Si può fare anche con altra frutta, ma quello classico è con le ciliegie. (In effetti somiglia abbastanza al “Far bretonne”, che di solito contiene le prugne).

10 pensieri su “Clafoutis

  1. splendida ricetta! grazie, sia per sapori ed odori che evoca la lettura, sia per la forma discorsiva ed informale con cui è proposta (mi verrebbe quasi da dire: …srotolata nel blog).
    A proposito di CLAFOUTIS, una volta avevo sentito che il vero clafoutis, quello originale, era fatto con un frutto in particolare, e che oggi fanno dei clafoutis con qualsiasi frutto usurpandone il nome; sapete dirmi qualcosa, quando dici tipico dolce francese alle ciliegie intendi questo? era cosi quello originale o ricordo male?

    1. Per quanto ne so io, quello originale è alle ciliege, e anche in Francia l’ho visto così. E’ un dolce tipico del Limousin, dove pare costituisse la colazione dei contadini.
      So che lo si può fare anche con altra frutta, e che in tal caso si chiama “flognarde”, ma non l’ho mai provato in tale versione.
      A proposito: l’ultima volta l’ho fatto con le ciliege “ferrovia”, e non è che il risultato fosse sensibilmente diverso

  2. …è vero! ora che citi la regione di origine mi ricordo meglio: una volta avevo letto che i limousini si vantavano molto di essere i portarori della tradizione del clafoutis (che andava fatto esclusivamente con le loro ciliegie) e che tutte le altre versioni non erano altro che banali flognards

  3. ho appena infornato una variante alla ricetta, che del clafoutis forse ha solo “il forno”:
    invece delle ciliegie ho adoperato una scatola di prugne sciroppate ed un mezzo barattolo di marmellata di more (con more intere) fatta in casa (squisita, ma ne ho troppa).
    non avevo la panna ed ho usato il latte; non ho messo zucchero perché le 2 frutte erano estremamente dolci; niente liquori, ma oltre alla vanillina ho aggiunto una bustina di lievito per pizza. (tra mezz’ora è pronta: secondo te cosa esce fuori?)
    Se merita farò una foto!

    1. Mi viene in mente la sora Licia, che voleva fà il farro co’ fagioli, ma i fagioli ‘un ce l’aveva, e ci mise i piselli, poi però ‘un ci aveva nemmeno il farro, e ci mise il riso…

      1. …tant’è! quant’era bona (sono tuttavia riuscito a far un paio di foto); ci è tanto piaciuta che io e i bimbi ieri sera ne abbiamo progettata una versione con pere, noci, miele e cioccolato, alla faccia della sora Licia sarà lì che caricherò le foto della versione di ieri (ma perché i dolci a me riescon così bene e quando provo a cucinare il pesce non mi riesce?)

  4. tutto insieme ovviamente… ma la chiamerò in un altro modo: però m’impegno a fare il tuo CLAFOUTIS come ricetta comanda (al massimo snocciolando le ciliegie), e gli farò anche una foto.

  5. …è vero, avevo promesso di farla con le ciliegie, ma dove le trovo all’inizio di ottobre le ciliegie? per ora ho fatto quella specie di flognard all’ananas, per l’originale mi tocca aspettare la prossima primavera!
    cambiando argomento: ti ringrazio per avermi insegnato ad imburrare la teglia con burro e zucchero (prima usavo la farina), funziona molto meglio, non si attacca più!

Rispondi