Gratin di moscardini (ricetta della mi’ ‘ugina)

Oggi ero a pranzo dalla mi’ cugina, in quel di Le Grazie, provincia di La Spezia, ed ho assaggiato questo buonissimo piatto, che mi riprometto di replicare quanto prima. Nel frattempo posto la ricetta.
Lei ha usato dei moscardini, ma va bene qualsiasi altro mollusco, tipo calamari, seppioline, polpettini… meglio se sono piccoli, perché sono più teneri, altrimenti bisogna tagliarli a pezzetti molto piccoli (eviterei di usare polpi tipo piovra…).
Come che sia, dopo averli puliti e spezzettati, bisogna cospargerli di pangrattato, olio, sale, pepe, un po’ di prezzemolo tritato, una puntina di aglio, un po’ di scorza di limone grattugiata. Si distendono in una pirofila unta d’olio, in modo che venga uno strato abbastanza basso, e sopra altro pangrattato (Se è troppo asciutto, una spruzzata di vino bianco; non deve comunque essere troppo bagnato). In forno a cuocere e gratinare.
Si mangia tiepido, accompagnandolo con un vino bianco ben fresco e abbastanza di corpo, tipo un vermentino.

Un pensiero su “Gratin di moscardini (ricetta della mi’ ‘ugina)

Rispondi