tortino di risotto al Raschera e noci in crema di cavolfiore

Questo “tortino” è un’elaborazione della precedente ricetta (Il coccio dell’Unità d’Italia); si utilizza lo stufato, base del coccio, dal quale si prepara un risotto come segue.

gli ingredienti

 

 

 

 

 

 

INGREDIENTI:

Un tegame di stufato preparato con cipollotti di Tropea, Speck e cavolfiore bianco (v. ricetta precedente)

burro (circa 80 g. per la preparazione dello stufato in tegame)

250 g. di riso per risotti ( io uso il carnaroli perché rende bene in cottura)

circa 450 g. di formaggio Raschera d’alpeggio

Latte intero per la cottura (un litro scarso)

Gherigli di noce per guarnire

la cottura

 

 

 

 

 

 

PREPARAZIONE:

Una volta preparato lo stufato nel coccio come per la precedente ricetta, lasciate cuocere ancora gli ingredienti fino a che si disfino quasi a diventare una crema, a questo punto versate nel tegame il riso, mescolate ed aggiungete il latte un pò alla volta mescolando continuamente a fuoco molto basso e con l’accortezza di utilizzare la retina spargifiamma per non compromettere la solidità del coccio. La cottura richiede circa 20 minuti, ma sarà bene affidarvi a ripetuti assaggi per verificare personalmente  lo stato di cottura. A risotto ultimato, coprite a “mosaico” il tutto e coprite con un coperchio dopo aver guarnito con i gherigli di noce. Il giorno successivo quello che appena fatto aveva l’aria di un risotto, assumerà l’aspetto di tortino, con il formaggio solidificato come spero si capisca nell’ultima fotografia un pò sfocata che allego. Le fette compatte anche per il formaggio fuso necessiteranno di una leggera riscaldatina per dare il meglio di se.

il tortino del giorno dopo

 

Informazioni su crealessio

nato a Trieste nel secolo scorso da padre calabrese e madre friulana ha vissuto a Roma, Tivoli, Pienza-Montepulciano lavora in giro per l'Italia per conto di una società livornese e da tutti questi elementi trae esperienze gastronomiche che per divertimento traduce in ricette. dal 2011 ha iniziato per passione, l'attività di cuoco itinerante (creare ricette originali con prodotti locali in qualsiasi luogo si trovi); questa iniziativa (i cui migliori risultati sono pubblicati su Ciricette), sta contribuendo a trasformare questo hobby in una professione (al momento le sue consulenze sono richieste da una società danese per approfondimenti sulla produzione casearia italiana)

Rispondi