insalata di Graukäse con Yogurt e pachino

Il formaggio “Grigio” della val Pusteria, come ho avuto modo di spiegare già una volta, è una realtà a se nell’universo caseario, un formaggio dal sapore molto intenso che i tirolesi per tradizione usano preparare con cipolla cruda ed aceto per contrastarne l’intensità del suo gusto penetrante. Ho cercato di trovare una strada alternativa per preparare questo formaggio dalla tradizione millenaria in una maniera che risulti più delicata e certamente più digeribile (il Graukäse è insostituibile, nel caso qualcuno fosse incuriosito dalla ricetta ma fosse sprovvisto del “grigio”, posso consigliare di tentare di sostituirlo con un gorgonzola piccante, anche se davvero non sarebbe la stessa cosa forse è il prodotto caseario che più potrebbe ricordarlo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

INGREDIENTI:

(i quantitativi sono orientativi, per un piatto/dose monoporzione ho usato le seguenti quantità)

3/4 fettine di Graukäse

5 pomodorini Pachino

100 g. di Yogurt biologico di pecora

olio, sale e pepe q.b.

un pizzico di cumino tirolese (anice selvatico)

 

PREPARAZIONE:

sulla preparazione non c’è molto da dire, trattandosi di un’insalata; tagliate il formaggio a fettine abbastanza sottili (anche se risulterà piuttosto difficile data la morbidezza del prodotto), disponete i pomodorini e per finire ricoprite il tutto con il condimento preparato mescolando tutti gli altri ingredienti in una tazza (yogurt, olio sale, pepe e cumino) e rimestate delicatamente.

Informazioni su crealessio

nato a Trieste nel secolo scorso da padre calabrese e madre friulana ha vissuto a Roma, Tivoli, Pienza-Montepulciano lavora in giro per l'Italia per conto di una società livornese e da tutti questi elementi trae esperienze gastronomiche che per divertimento traduce in ricette. dal 2011 ha iniziato per passione, l'attività di cuoco itinerante (creare ricette originali con prodotti locali in qualsiasi luogo si trovi); questa iniziativa (i cui migliori risultati sono pubblicati su Ciricette), sta contribuendo a trasformare questo hobby in una professione (al momento le sue consulenze sono richieste da una società danese per approfondimenti sulla produzione casearia italiana)

Rispondi