Tutti gli articoli di carroarmatorosa

Bocconcini di pollo con pinoli, uva sultanina e crema di whisky (alias Bayles)

Sempre per la serie “Cuoca (in) provetta”, di quelle che digitano su Google i pochi ingredienti disponibili e decidono cosa mangiare in base agli output del motore di ricerca, ecco una nuova ricetta facile facile.

 

INGREDIENTI PER UNA PERSONA

  • 1 fetta di petto di pollo tenero
  • 1 bicchiere abbondante di latte
  • 1 cucchiaio di uva sultanina
  • 1 cucchiaio di pinoli
  • 2 cucchiai di crema di whisky/Bayles
  • Burro (poco, eh! Ho abbandonato la mia condizione di “donna perennemente a dieta”, ma insomma, non ci allarghiamo. In tutti i sensi!)
  • Farina

 

Come prima cosa scaldate il latte e mettete a rinvenire l’uva sultanina in acqua molto calda. Fate sciogliere a fuoco basso il burro in una padella antiaderente. Tagliate il petto di pollo a striscioline, infarinatelo bene a cominciate a cuocerlo nel burro.

Quando il latte bolle e l’uvetta si è rimpolpata, unite i due ingredienti (oh, mi raccomando: scolatela l’uvetta prima!). Fate cuocere per un minuto circa.

Nel frattempo il pollo dovrebbe essere ben dorato (fate una fiammata per cercare di creare una crosticina croccante intorno al pollo. Non sempre riesce, sarà questione di fortuna o congiuntura astrale o karma! 🙂 ). A questo punto, con abile mossa, versate il latte caldo + uvetta nella padella insieme al pollo. La padella sembrerà impazzita. State sereni, è tutto normale. Attenzione, adesso i tempi si fanno stretti! Mentre il latte si restringe, voi mescolate, versate i pinoli, mescolate, aggiungete il Bayles, assaggiate e salate se vi sembra necessario. Nel giro di pochissimo si formerà una cremina. Non vi distraete che passare dalla cremina a una bella crosta bruciata è un attimo!

 

Ci siamo, è fatta! Impiattate e gustate! 😛

 

PS: La ricetta originale prevedeva non so quale altro liquore al posto del Bayles. Io c’avevo il Bayles e quello ho usato, oh allora!!! 😀

Pasta al sughetto di pomodorini e aceto balsamico

Per la serie “Cuoca (in) provetta” ecco a voi una ricetta facile-facile, light e adatta alle emergenze dell’ultimo minuto. Si prepara in poco tempo con ingredienti semplici che sono quasi sempre in casa: pasta, pomodoro fresco e aceto balsamico! L’origine è sconosciuta, a me l’ha insegnata il mio socio di blog (http://cooperfm.style.it Sì, mi sto facendo pubblicità. Ganascia, non conosco la policy di Ciricette, puoi censurarmi, non mi offendo!) che a sua volta l’ha rubata a mamma e nonna.

 

INGREDIENTI PER UNA PERSONA

  • 80 g pasta (io ho usato quella integrale, gli dà quel tocco in più)
  • 10/12 pomodorini ben maturi
  • 1 spicchio d’aglio
  • Basilico (io ho usato quello in polvere, lo so che è un po’ blasfemo, ma sono sempre una cuoca in provetta, perdonatemi)
  • 1 cucchiaio di aceto balsamico
  • 1 cucchiaio d’olio extravergine
  • Sale q.b.
  • Pecorino a piccole scaglie

 

Mentre attendete che l’acqua per la pasta arrivi a bollore, scaldate l’olio in una padella anti-aderente e fatevi soffriggere lo spicchio d’aglio (precedentemente pelato. Sempre meglio precisare, per le atre cuoche in provetta come me).
Lavate i pomodorini e divideteli a metà (o in quarti, a seconda della grandezza). Versateli nell’olio caldo e iniziate a mescolare e “pestare” (leggasi: spiaccicate i pomodorini per farvi uscire l’acqua). Nel frattempo salate l’acqua e versate la pasta.
Far cuocere i pomodorini continuando a “pestarli” per circa dieci minuti. Aggiungete il basilico e l’aceto balsamico (circa un cucchiaio) facendolo restringere a fuoco basso per un altro paio di minuti. Si dovrà formare un sughetto ben amalgamato fra pomodorini/acqua/olio/aceto. A questo punto la pasta sarà pronta da scolare (lasciatela un pochino al dente). Fatela saltare ed insaporire nella padella con il sughetto.

Servire il tutto condito con una manciata di pecorino!

Buon appetito!

 

PS: Al solito, la foto è stata scattata con il cellulare quando già mi ero avventata sul piatto. Perdonatemi. 🙂

Filetto di salmone aromatizzato alle erbe di provenza su salsa di mandarino

La mia prima ricetta. Sono emozionata.
Alcune piccole premesse, per chi non mi conosce:
1) Clo è quasi perennemente a dieta.
2) Clo non ama il pesce (e allora perché lo compra? Retaggio di anni di “Mangialo che ti fa bene”)
3) Clo non sa cucinare, ha intuito, ma zero pratica –> scriverà la ricetta per gente limitata, proprio come lei!
4) Clo e La Gourmet amano chiacchierare come poche altre, la cucina è ovviamente uno degli argomenti preferiti! –> Special Thanks a La Gourmet che ha ispirato questa mia prima ricetta!

E adesso, voi, che siete buoni e abili cuochi mi perdonerete le mancanze e mi aiuterete a migliorare, vero? 🙂

Ingredienti:

  • 1 filetto di salmone a testa (io in casa avevo solo quello in lattina aromatizzato al limone. Sono preda del marketing. Ne consiglio uno fresco e non aromatizzato!)
  • 1 mandarino a testa
  • Erbe di provenza, olio e sale

Salmone aromatizzato alle erbe di provenza su salsa di mandarinoPreparazione:
Versare un cucchiaino d’olio extra vergine d’oliva in una piccola padella antiaderente, sgocciolare il filetto di salmone e iniziare a farlo cuocere avendo cura di ruotarlo ogni tanto. Aggiungere le erba di provenza secondo il proprio gusto.
Mentre il salmone cuoce, spremere un mandarino, quando pronto versarne il succo sopra il salmone.
Terminare la cottura senza coperchio per far ridurre il succo di mandarino.
Salare a piacimento, impiattare e mangiare! Sarà stata la fame, ma mi è sembrato tutto ben equilibrato. E soprattutto: non puzza di pesce! 🙂

Una variante che ho immaginato, ma non ho avuto il coraggio di sperimentare, prevederebbe di far caramellare il succo di mandarino.

Più che “Cucina con gli avanzi” questa ricetta la classificherei quasi in “Cucina con il niente” 🙂

ps: la foto l’ho scattata con il cell e mi sembra già assai, con la fame che avevo!!!

pps: @Ganascia: categoria “ricette leggere”… Che ne dici?