Archivi categoria: Cucina Light

Maltagliati con piselli e caprino

Tornati da una bella cavalcata, oggi ci siamo fatti questa pasta abbastanza veloce (in 2 abbiamo ottimizzato i tempi dividendoci i compiti).

Ingredienti x 3:

  • 2 uova e 200 gr di farina per la pasta (metà farina, metà semola)
  • piselli freschi
  • 1/2 caprino (il nostro era sec, quindi un pochino stagionato)
  • aglio, cipollotto, sale, pepe, olio
  • un goccio di latte

Mentre la sottoscritta impastava una bella pasta all’uovo e ne faceva dei maltagliati, il Gourmet preparava il sugo facendo scaldare in poco olio uno spicchio d’aglio intero e un po’ di cipollotto. Ha poi aggiunto i piselli freschi e li ha portati a cottura. Infine ha aggiunto il caprino tagliato a cubettini e ha allungato con poco latte. Sale, pepata abbondante, giro d’olio e via…

Il dolce dei piselli compensa il saporito del caprino stagionato, accoppiata vincente direi!!!

Salade de chèvre chaud

Stamani, girottolando per il mercato di Chalon sur Saone, ci siamo imbattuti in vari banchetti di produttori di formaggio, di cui uno specializzato in ogni tipo di latticino di capra. Ci siamo quindi portati a casa tre caprini mi-sec (una via di mezzo tra fresco e stagionato) con cui abbiamo fatto uno dei grandi classici francesi (ci siamo anche comprati un bel cesto di insalata non trattata da un agricoltore).

Ingredienti:

  • Insalata mista
  • Pomodori
  • Pane
  • Caprino
  • sale, olio etc per condire (i francesi metterebbero della vinaigrette alla senape, ma vabbè…)

Preparate la vostra bella insalatona e corredatela da crostini di pane grigliati con delle fette di caprino sopra. Noi abbiamo evitato i classici “lardons” (pancetta a cubetti) che di solito si trovano in questo piatto.

Très simple et très bon…

Tortino alla fragola

Giovedì sera avevo ospiti, ma la sera prima, la voglia di andare a fare la spesa era uguale a zero, quindi con quello che avevo in casa ho prodotto questi tortini.

Ingredienti x 8 tortini:

  • fragole, circa 400 gr
  • 125 gr di ricotta
  • 1 yoghurt alla fragola (il mio era Vitasnella, per la dieta 😉 )
  • una spruzzatina di limone
  • un paio di cucchiai di zucchero di canna
  • 3 fogli di gelatina

Prima di tutto mettere a bagno i fogli di gelatina in acqua fredda. Quindi armatevi di frullatore e frullate insieme le fragole lavate e tagliate a pezzetti, la ricotta, lo yoghurt, lo zucchero e una spruzzatina leggera di limone. Strizzate bene la gelatina e scioglietela sul fuoco con un paio di cucchiai di acqua (o volendo anche spumante) e amalgamatela al composto di fragole.

Mettete negli stampini e fate riposare una notte.

Io l’ho servita con della crema inglese calda aromatizzata con la buccia di mezzo limone, e in quel momento ha smesso di essere un dessert light… 🙂

Sgombri gratinati

In questa landa tradizionalmente molto carnivora, il pesce pare sia possibile trovarlo solo già sfilettato (ORRORE!!!!). Io invece, che non comprerei del pesce già sfilettato (di cui non vedo la testa nè il colore della pelle) nemmeno sotto tortura, mi riduco sempre ad andare alla ricerca di pesci ancora integri e ad accontentarmi di ciò che trovo.

Fortunatamente spesso si trovano gli sgombri, tra gli unici superstiti alla ghigliottina francese… 😉

Ingredienti:

  • 1 bello sgombro a testa
  • prezzemolo, aglio, rosmarino, cipollotto
  • 1 pomodoro
  • pangrattato
  • olio, sale, pepe

Sfilettare lo sgombro, ottenendo 2 bei filetti a testa. Da parte tritare al coltello un mazzetto di prezzemolo, un rametto di rosmarino, 1 spicchio d’aglio (il mio era aglio fresco quindi ho abbondato) e un pezzo di cipollotto. Aggiungere dei filetti di pomodoro a cui avrete levato i semi e la buccia e tritare anch’essi insieme. Aggiungere un po’ di pangratto e amalgamare bene.

Stendere i filetti di sgombro su della carta forno e ricoprirli col composto, salare e pepare a piacere, quindi infornare per 10 minuti circa ad alta temperatura. Attenzione a non cuocerli troppo, se no diventano stopposi.

Io ho accompagnato con una bella insalata mista con pomodori, olive e semini vari (girasole, zucca, sesamo, lino…).

Pasta improvvisata

L’altro giorno a pranzo avevo il frigo veramente semi vuoto in attesa di andare a fare la spesa la sera, ma alla fine, anche con poco, una pasta si improvvisa sempre…

Ingredienti:

  • un cipollotto
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiai di ricotta
  • un mazzetto di rucola
  • qualche pomodorino
  • la scorza grattugiata di mezzo limone
  • sale, olio, pepe, peperoncino

Ho scaldato in poco olio il cipollotto fatto a fettine, lo spicchio d’aglio intero e il peperoncino. Ho aggiunto poi la buccia del limone grattata. Quindi in sequenza ricotta, pomodorini tagliati a metà e rucola.

Ho tolto subito dal fuoco e ci ho saltato la pasta dentro, dopo aver aggiustato di sale e pepe.

Pasta sardine e semi di finocchio

Con l’altra parte delle sardine di cui sopra ho fatto questa pasta un po’ improvvisata, ma veramente appetitosa e ben riuscita.

Ingredienti x2:

  • pasta corta (io ho optato per le orecchiette)
  • 4/5 sardine fresche sfilettate
  • ciliegini 5/6
  • una manciata di semi di finocchio
  • un cipollotto fresco
  • aglio, olio, peperocino, prezzemolo

Mentre cuoce la pasta, scaldate in poco olio il cipollotto tagliato a rondelle, lo spicchio d’aglio intero, un peperoncino e i semi di finocchio (che fanno anche tanto bene… 🙂 ). Aggiungete quindi i filetti di sardine fatti a pezzi abbastanza grossi, saltate giusto un minuto, quindi aggiungete i pomodorini. Togliete subito dal fuoco e coprite con un coperchio. Una volta cotta la pasta, fatela saltare un paio di minuti nel sugo e servite con del prezzemolo appena sminuzzato.

Le sardine si sposano benissimo coi semi di finocchio, che danno anche un tocco di croccantino alla pasta, pulendo allo stesso tempo la bocca con la loro freschezza. La breve cottura è necessaria per conservare intatto il sapore del pesce e la consistenza dei pomodorini. Esperimento decisamente ben riuscito!

Pasta con ricotta e asparagi

Incredibilmente la dieta continua e con essa anche i miei esperimenti low-fat…

Con gli avanzi della vellutata dell’altra sera ho fatto questa pasta.

Ingredienti:

  • pasta (io ho fatto i fusilli)
  • punte di asparagi
  • qualche cucchiaiata di ricotta
  • un goccio di latte
  • sale, pepe

Mettete su l’acqua per la pasta, salatela e quando bolle, buttate la pasta e anche le punte degli asparagi precedentemente lavate e tagliate se necessario.

Da parte, frullate con un frullatore a immersione un po’ di ricotta con un goccio di latte per amalgamare, quindi pepate.

Una volta cotta, scolate la pasta e unite la salsa di ricotta, tenete da parte un paio di punte per la decorazione, perché anche l’occhio vuole la sua parte!!!

Una ricetta semplice semplice, senza aggiunta di grassi, ma in cui la goduria mangereccia non viene meno…

Vellutata di asparagi con crostini di ricotta

Allora…questa ricetta parte dal fatto che la Gourmet sta tentando di rimettersi un po’ in forma e quindi s’è messa un pochino a dieta. Si sa però che se la dieta è triste finisce presto, per cui in questi giorni cercherò di dimostrare che i piatti di una dieta non sono necessariamente deprimenti 🙂 .

Questa vellutata, per esempio, era appetitosa e in una sera freschetta come questa si richiedeva proprio.

Ingredienti x 2:

  • un mazzetto di asparagi
  • 2 patate piccole
  • uno spicchietto di cipolla
  • un pezzetto di carota
  • sale, pepe, olio
  • ricotta di pecora
  • pane

In una casserula ho fatto a pezzatti piccoli piccoli (per ragioni di tempo) gli asparagi e le patate (le punte degli asparagi le ho tenute da parte per farci qualcosa domani perché mi dispiaceva che finissero frullate insieme al resto), poi ho aggiunto uno spicchietto di cipolla e un pezzetto di carota, anch’essi tagliati fini. Ho aggiunto l’acqua, ho salato e ho fatto bollire fino a completa cottura delle verdure.

A questo punto ho frullato tutto con un frullatore a immersione.

Nel frattempo ho tagliato qualche fettina di pane, che ho abbrustolito in forno, su cui ho spalmato un po’ di ricotta di pecora.

Ho servito la vellutata con una macinata di pepe, un filino d’olio e due crostini con la ricotta.

Gustosamente leggera!! 🙂