Archivi tag: cheesecake

Cheesecake di ricotta e nocciole con crema al caffè.

(6-7 vaschettine mono porzione)

  • 100g di nocciole BONE
  • 1 cucchiaino di zucchero + altro se piace molto dolce
  • 30g di burro
  • 300g abbondanti di ricotta vaccina
  • 100g di zucchero + 30g per la crema al caffè
  • 1 cucchiaio di farina per l’impasto + 1 per la crema al caffè
  • 1 uovo + 2 tuorli per la crema al caffè
  • 1 tazzina di caffè.

Preparazione crema: una semplice crema pasticcera al caffè. Io la faccio così: metto a scaldare il latte fino a quasi ebollizione, nel frattempo in un pentolino dal fondo spesso amalgamo 30g di zucchero e 2 tuorli, poi aggiungo il cucchiaio di farina setacciato e formo una crema abbastanza omogenea. Verso un poco di latte caldo e amalgamo: lo faccio due, tre volte, come quando si fa assorbire il brodo al risotto, quindi verso tutto e metto sul fuoco basso girando continuamente fino alla densità voluta. Tolgo e continuo a girare fino a raffreddamento perché sennò si formano matematicamente i grumi. Nella crema al caffè si aggiunge il caffè assieme al latte prima di mettere sul fuoco.

Preparazione cheesecake: frullare le nocciole col burro sciolto e il cucchiaino di zucchero fino alla consueta consistenza “sabbia bagnata”, quindi foderare il fondo degli stampini con il pastone così ottenuto.

Per la base del cheesecake amalgamare ricotta e zucchero con una forchetta, aggiungere il cucchiaio di farina setacciata e continuare ad amalgamare, quindi l’uovo e sbattere con frusta o cucchiaio fino alla crema.

Infornare a 160° per una ventina di minuti, fino alla colorazione dei bordi, quindi sfornare, far raffreddare e mettere in frigo.

Servire con la crema riscaldata o fredda a seconda dei gusti. Io l’ho servita a temperatura ambiente ed era bona bona bona.

Da bé: abbinamento pressoché impossibile causa freddo e caffè. Un Vino Santo trentino, forse

Cheesecake alle pesche

Era un sacco di tempo che volevo fare un cheesecake come dicevo io, dovevo solo trovare un po’ d’ispirazione e il metodo giusto.

Noterete che come base non ho utilizzato il composto di biscotti sbriciolati e burro, che personalmente non gradisco molto, ma ho utilizzato un disco di pasta sablée; una pasta frolla molto ricca, delicata e croccante.

Ingredienti per una tortiera piccola e uno stampino monodose:

  • 125 g di farina
  • 100 g di burro
  • 50 g di zucchero a velo
  • un pizzico di sale
  • 4 tuorli
  • 500 g di formaggio fresco spalmabile
  • 300 ml di panna fresca
  • 1 bacca di vaniglia
  • 2 -3 fogli di gelatina
  • diversi cucchiai di zucchero
  • mandorle pelate
  • 4 pesche gialle
Preparazione

Si inizia con il fare la frolla. Ci servono la farina, il burro tagliato a pezzetti e leggermente ammorbidito, 1 tuorlo e il pizzico di sale. S’impasta tutto velocemente con la punta delle dita, si forma una palla e si mette in frigorifero avvolta dalla pellicola alimentare.
Mentre la pasta riposa si prepara una crema inglese veloce con i restanti tuorli, 2 cucchiai di zucchero, la panna e la vaniglia. Lasciamo raffreddare.
Adesso stendiamo la pasta sablée fino ad ottenere uno spessore di 4 mm e ricaviamo un disco da mettere nel cerchio da torte. Mettiamo di nuovo in frigorifero a riposare per almeno una mezz’ora. Nel frattempo scaldiamo il forno a 180 gradi e ci mettiamo dentro le mandorle a tostare. Attenti a non farle bruciare o farle tostare troppo.
A questo punto è il momento di infornare la base, facciamola ben cotta.
Mentre la frolla cuoce dobbiamo fare la composta di frutta quindi in una padella mettiamo la pesche tagliate a cubetti con un po’ di zucchero e qualche goccia i succo di limone. Non facciamo andare troppo però, lasciamo che si sentano i pezzi di frutta.
Adesso ammolliamo i fogli di gelatina in acqua fredda, passati 10 minuti la strizziamo bene e la sciogliamo nella crema inglese calda. A questo punto aggiungiamo il formaggio fresco alla crema e mescoliamo bene con una frusta aggiungendo lo zucchero secondo piacimento. Dobbiamo ottenere un composto omogeneo e liscio.
A questo punto basta comporre il dolce e lasciarlo rapprendere in frigorifero per almeno 4 ore.
Alla fine aggiungere le mandorle tostate e tritate grossolanamente.
P.S. Il connubio sarebbe pesche e amaretti. Io ho usato le mandorle nel tentativo di ottenere un risultato diverso ma che in qualche modo richiamasse l’accostamento classico. Devo dire però che le mandorle spariscono un po’ nell’insieme, sicuramente il gusto deciso dell’amaretto spicca di più e forse aiuta il tutto.
P.P.S. Il piatto nella foto è veramente brutto, m’impegno a comprare qualcosa di più decente nel prossimo futuro.

Cheesecake con ridotto di ciliegie e pinoli caramellati

(7 stampini di quelli monouso della cuki per intenderci)

  • 200g di ciliegie
  • 2-3 cucchiaini di zucchero a seconda del gusto
  • Una piccola presa di noce moscata
  • 50 di pinoli
  • 25g burro
  • 100g di biscotti Digestive
  • 300g di robiola morbida
  • 100g di zucchero
  • 1 cucchiaio di farina
  • 1 uovo

Preparare il ridotto di ciliegie (cioè una mezza marmellata). Snocciolare le ciliegie e frullarle assieme allo zucchero, quindi versarle in una padellina, aggiungere la noce moscata e far sobbollire girando spesso e calcolando 20 minuti dalla presa di bollore. Quando è pronta far raffreddare, metterla in un vasetto e via a compattarsi in frigo.

Far sciogliere il burro (anche al microonde) e frullarlo assieme ai biscotti finché non si ottiene una crema ruvida, diciamo della consistenza della sabbia bagnata. Mescolare in una terrina la robiola e lo zucchero, aggiungere il cucchiaio di farina setacciata e continuare a mescolare schiacciando con i rebbi di una forchetta. Quindi aggiungere l’uovo e insistere (con un cucchiaio o con le fruste) finché non si ottiene una crema il più possibile omogenea.

Stendere con un cucchiaino uno strato di “pappa” burro-biscottosa sul fondo degli stampini, riempire fino a 3/4 con la crema e infornare a 160° per 20 minuti. I cheesecake sono pronti quando la crema si sarà gonfiata e i bordi appariranno dorati.

Al momento di servire tostare in padella i pinoli con un cucchiaino di zucchero, agitando spesso. Sformare i cheesecake (se si sono rappresi bene escono senza problemi), stendere un paio di cucchiaini di ridotto di ciliegie sopra, e finire con i pinoli.

Sfornare, far raffreddare e mettere in frigo per un paio d’ore

Da bé. Il cheesecake ha problemi evidenti di abbinamento a causa del tocco acido e freddo del formaggio. Può starci una Malvasia di Castelnuovo Don Bosco, una Vernaccia di Serrapetrona amabile o un Brachetto d’Acqui. Più difficile un Moscato Rosa.