Archivi tag: fave

Spaghetti pancetta, fave e cacio baccellone

Spaghetti fave, pancetta e cacio baccellone

Spaghetti fave, pancetta e cacio baccellone

È un eternità che non postavo più una ricetta, ma oggi ho fatto questa pasta bella rozza che voglio raccontarvi.

Ingredienti a testa

  • una manciata di fave sgusciate
  • un paio di fettine di pancetta
  • un pomodorino
  • formaggio baccellone per il finale
  • spaghetti secondo il vostro appetito, facciamo 90g

Preparazione

Mentre cuoce la pasta, mettete in padella la pancetta a dadini, le fave grossolanamente battute, e dopo un paio di minuti che *cantano*, anche il pomodorino a dadini. Aggiustate di sale se necessario, ma occhio alla pancetta. Fate andare tutto due o tre minuti, nel frattempo, fate a dadini il baccellone.

Scolate la pasta e saltatela col sughetto preparato e col baccellone, impiattate e servite. Pepate se volete.

Nota: ho lasciato le fave con la loro buccia per contribuire meglio all’equilibrio dei sapori. Se le volete sbucciare, riducete la pancetta, altrimenti nemmeno le sentirete.

 

Spaghetti alla vignarola

Spaghetti alla vignarola

La vignarola è un piatto primaverile della cucina laziale. Uno stufato delle verdure tipiche di questo periodo: piselli, fave, zucchine, carciofi, volendo asparagi.

L’ho cucinata un paio di volte e mi è piaciuta parecchio, con l’avanzo dell’altra sera ho deciso di condirci la pasta, poi ho scoperto che ci aveva pensato anche qualcun altro.

Ingredienti per 4

  • 80 grammi di piselli freschi
  • 80 grammi di fave fresche
  • 2 zucchine romane piccole
  • 1 cipollotto
  • Volendo, 1 carciofo
  • Guanciale a tocchetti q.b.
  • Prezzemolo
  • Mentuccia

Preparazione

In una padella a parte stufate brevemente le fave e i piselli. Se le fave sono troppo grosse sbucciatele, magari sbollentandole prima per 4-5 minuti.

In un’altra padella mettete il guanciale. Quando si sarà rosolato leggermente unite il cipollotto e quindi le altre verdure. Tutte le cotture devono essere abbastanza al dente.

Verso la fine versate i legumi nella padella col guanciale e fate cuocere per 3-4 minuti finali, unendo prezzemolo e mentuccia.

A questo punto saltateci gli spaghetti, impiattate e spolverate di pecorino romano, al gusto.

Cavatelli con fave e salsiccia e pesto di rucola

  • Pasta corta (io ho usato i cavatelli all’uovo)
  • Fave: 1 kg (lordo)
  • Rucola: due mazzetti
  • Salsicce: 2
  • Pinoli, olio, sale, pepe bianco, formaggio pecorino romano: secondo i gusti

Il giorno prima: pelare le salsicce e congelarle avvolte in un foglio di stagnola. Sgusciare e pelare le fave (quest’ultima operazione se le fave non sono freschissime e dolci altrimenti vanno bene anche con la pelle), tagliare le salsicce ancora congelate in due nel senso della lunghezza e poi a fettine sottili. Preparare il pesto di rucola frullando la rucola, i pinoli, un pizzico di sale e uno di pepe bianco, olio a piacere e se vogliamo un pezzettino piccolo di ghiaccio per evitare che il calore del mixer annerisca la rucola.

Mentre cuoce la pasta scaldare una padella capiente senza olio metterci la salsiccia e far rosolare nel suo grasso per 5-7 minuti a fuoco alto saltando spesso, quindi aggiungere le fave e continuare sempre a fuoco alto un altro minuto e mezzo.

Scolare la pasta molto al dente, aggiungere un po’ di acqua di cottura al sugo, aggiungere anche il pesto e finire la cottura della pasta un minuto in padella. Al termine guarnire con le scaglie di pecorino e un po’ di pepe bianco a piacere.

Da bé: un bel casino, perché l’amarognolo della rucola attenua il dolce e il grasso della salsiccia, e le fave sono erbacee e molto delicate. Un bianco acido, non di grandissimo corpo e delicatamente profumato: Marino o Frascati Superiore, Ansonica dell’Argentario (ma che sia di un buon produttore), Inzolia di Sicilia. Oppure anche una Ribolla gialla friulana ma semplice.

Pasta ai calamari e fave fresche

Pasta ai calamari e fave fresche

Non riesco a resistere al richiamo dei baccelli e sto facendo varie prove.

Questa pasta è gustosa e direi piuttosto riuscita.

Ingredienti

  • 1 calamaro (non troppo grosso) a testa
  • 1 ciotolina di fave fresche sgranate
  • 1 cipollotto
  • Prezzemolo q.b.
  • 5 o 6 pomodorini

Preparazione

La preparazione è rapida: in olio d’oliva soffriggete brevemente il cipollotto, il prezzemolo, un po’ di peperoncino se ne volete e le fave più grandi e durette tritate. Aggiungete poi quelle più piccole e tenerelle, poi dopo poco il totano e quindi i pomodorini tagliati a rondelle.

Salate e lasciate stufare. Saltateci la pasta e alé in tavola. Come per tutti i sughi “grossi” e un po’ slegati, prediligete la pasta lunga.

Pasta primaverile piselli & baccelli

Pasta piselli e baccelli

Dopo il tempo schifoso della settimana passata, andare stamattina al mercato delle vettovaglie col sole e una temperatura umana è stato più di un piacere. La mia verduraia di fiducia stamattina aveva un po’ di cose decisamente stimolanti, così è nata questa pastasciuttina moooolto soddisfacente.

Ingredienti per 2

  • 1 cipollotto
  • 1 cucchiaio di lardo salato a dadini
  • Piselli freschi
  • Baccelli (fave per i non toscani) freschi
  • 5 o 6 pomodorini datterini
  • Pecorino

Preparazione

Mentre bolle l’acqua e cuoce la pasta, soffriggere per pochisismi minuti il cipollotto tritato in un filo d’olio, poi unire il lardo salato. Sgranare nella padella un po’ di piselli e baccelli, e dopo due o tre minuti di insaporimento unire anche i pomodorini a pezzettini.

Aggiustare di sale e stufare leggermente. Poiché sono i primi, i legumi saranno tenerissimi in poco tempo. Casomai aggiungete un pochina d’acqua di cottura della pasta.

Saltare la pasta nel sugo e spolverizzare di pecorino grattugiato: INSTANT PRIMAVERA!

PS. Togliendo il lardo può essere un ottimo primo vegetariano…