Archivi tag: seppia

Tre cose con la seppia

Zuppetta di seppia e carote, spiedini di seppia, tortino di seppia e bietole

Sfruttiamo ben bene la seppia preparando queste variazioni: una zuppetta, uno spiedino, un tortino con le bietole, reinterpretando un classico pisano.

Ingredienti per 4

  • 4 seppie
  • Bietole lessate
  • 2 fette di pane raffermo
  • 4 pomodorini
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 carotona o 2 carote normali
  • 1 uovo
  • Pane grattato
  • Polvere di cavolo nero*
  • Farina gialla

Preparazione

Iniziamo pulendo le seppie. Mettiamone due, più le capoccette coi tentacoli delle altre due, in un pentolino con acqua bastante a coprirle (niente sale) e scaldiamo. Appena arrivano a bollore, spegnere e coprire. Lasciamo raffreddare.

Spiedini.

Nel frattempo, tagliamo a pezzotti le altre due seppie, passiamole nella farina gialla e costruiamo 4 spiedini alternando seppia, pezzetti di pane e mezzi pomodorini, chiudendo con le capoccette. Saliamo e ungiamo con un filo d’olio.

Tortino.

Tagliamo a dadini le seppie bollite. In una padella con poco olio evo mettiamo mezzo spicchio d’aglio tritato, le bietole lessate sminuzzate e le seppie. Aggiustiamo di sale. Una volta insaporito, incorporiamo l’uovo sbattuto e prepariamo 4 stampini impanati. Riempiamoli col composto e copriamo con un po’ di pan grattato e una spolveratina di polvere di cavolo nero.

Mettiamo in forno 15 minuti insieme agli spiedini a 200°.

Zuppetta

Mettiamo l’altro mezzo spicchio d’aglio tritato e le carote tagliate finissime nell’acqua di cottura delle seppie. Lasciamo bollire per una decina di minuti e frulliamo, aggiustando di sale. Si può anche aggiungere la pastina a piacimento (per esempio Ganascino la gradisce molto con le farfalline all’uovo.

 

*Per la polvere di cavolo nero, basta pulire le foglie del cavolo nero, togliere il gambo duro e passarle una decina di minuti in forno a 110-120° con lo sportello socchiuso. Occhio a non bruciarle. Una volta essiccate, sminuzzarle e metterle da parte per futuri usi.

 

Passatelli di piselli e zuppetta di seppie

Passatelli di piselli su zuppetta di seppie

Ho voluto provare questa ricetta su ispirazione della “Sfera di piselli e zuppetta di triglie fritte” dell’Imbuto.

Occhio che per fare l’impasto di piselli secchi si parte il giorno prima.

Ingredienti per 4

  • 200g di piselli secchi
  • 20g fecola di patate
  • 2 seppie non grandi
  • 1 spicchio d’aglio
  • Olio extra vergine

Preparazione

Si ammollano per qualche ora i piselli secchi. SI frullano con tutta l’acqua di ammollatura e si passano al setaccio ben benino. Si scarta la parte solida rimasta nel colino. Il resto si mette in un recipiente coperto in frigo per la nottata. E qui finisce la fase uno.

Fase due: il giorno dopo si vedrà che il composto si è diviso in due fasi, liquida e solida. Si mette da parte il liquido, il solido si frulla con la fecola e 50 grammi del liquido. Si mette quindi in pensola a fuoco vivace girando di continuo con la frusta, fino a che non addensa, diventando una pasta simile al pongo.

Si lavora energicamente con le mani, poi si fa riposare, avvolto nella pellicola, per mezz’ora in frigo.

A questo punto con lo schiacciapatate ho fatto dei piccoli passatelli, ma ci si potrebbero fare, per esempio, degli gnocchetti.

Per la zuppetta: in una pentola con poca acqua bollente (il necessario a coprire) ho messo le seppie. Appena spiccato il bollore ho spento il fuoco lasciando riposare una decina di minuti.

Ho preso le seppie e le ho fatte a dadini. In un pentolino (non padella, e capirete perché) in olio ho fatto soffriggere uno spicchio d’aglio, togliendolo quando iniziava a colorire. Ho saltato i dadini di seppia per un minuto, quindi ho unito l’acqua di cottura delle seppie e ho datto due colpi appena di minipimer, aggiustando di sale.

Ho scottato in acqua salata 2 minuti i passatelli, quindi li ho serviti sulla zuppetta di seppie, completando con pepe e un filo d’olio.

 

Spaghetti seppia e bietole

Spaghetti seppia e bietole

Che succede se prendi una delle ricette nazionali pisane (la seppia sulle bietole) e la riadatti a sughino per la pasta? Succede che il lavoro viene bene!

Ingredienti per due

  • 1 seppia piccolina (va be’, non enorme…)
  • 1 manciata di bietole stufate (io quelle piccole le stufo e non le lesso, vengono più saporite)
  • 1 cipollotto
  • 1 cucchiaio abbondante di salsa di pomodoro
  • Peperoncino

Preparazione

Tritate finemente il cipollotto e soffriggetelo in poco olio. Dopo 2 o 3 minuti unite la seppia a striscioline e fate andare per un po’. Se volete potete anche sfumare con un po’ di vino bianco, a me rimane abbastanza indifferente.

Stufata la seppia unite le bietole e il pomodoro e fate andare intanto che cuoce la pasta, se si asciuga troppo allungate con l’acqua di cottura. Saltate la pasta nel sugo, un pizzico di pimento e via!